La malattia di Alzheimer è una malattia cerebrale progressiva che prende il nome dal medico tedesco Alois Alzheimer che la descrisse per primo nel 1906. L’Alzheimer danneggia e alla fine distrugge le cellule cerebrali, portando alla perdita di memoria, pensiero e altre funzioni cerebrali.  Non fa parte del normale invecchiamento, ma è il risultato di un modello complesso di cambiamenti anormali. Di solito si sviluppa lentamente e peggiora gradualmente man mano che più cellule cerebrali appassiscono e muoiono. L’Alzheimer è fatale e attualmente non esiste una cura. La malattia di Alzheimer è il tipo più comune di demenza, un termine generico usato per descrivere varie malattie e condizioni che danneggiano le cellule cerebrali. I sintomi della malattia di Alzheimer progrediscono da una lieve dimenticanza a una diffusa compromissione cerebrale. I cambiamenti chimici e strutturali nel cervello distruggono lentamente la capacità di creare, ricordare, apprendere, ragionare e relazionarsi con gli altri. 

 Lo stadio iniziale di Alzheimer è quando i problemi con la memoria, il pensiero e la concentrazione possono iniziare ad apparire durante il colloquio di un medico o gli esami medici. Gli individui nella fase iniziale in genere necessitano di assistenza minima con semplici routine quotidiane. Tuttavia, al momento della diagnosi, un individuo non è necessariamente nella fase iniziale della malattia. Il termine esordio precoce o esordio più giovane si riferisce al morbo di Alzheimer che si manifesta in persone di età inferiore ai 65 anni. 

Puoi trovare ulteriori informazioni su cause, sintomi, diagnosi, terapie su questa pagina di  ISSalute.

Prima di tutto prova a farti queste domande

PAGINA IN ALLESTIMENTO