L’herpes zoster è una riattivazione del virus della varicella (il virus della varicella-zoster). Dopo aver avuto la varicella il virus varicella-zoster si ritira nelle cellule nervose del corpo, dove spesso giace dormiente per molti anni. Come altri membri della famiglia dell’herpes (come i virus dell’herpes simplex che causano l’herpes labiale e l’herpes genitale), il virus della varicella-zoster che causa la varicella non lascia mai il corpo. 

 Alcuni fattori, come lo stress, l’invecchiamento o la bassa immunità, possono riattivare il virus e inizia a riprodursi. Il virus viaggia lungo il percorso di un nervo (dove il virus “dormiva”) fino alla superficie della pelle e diventa visibile come fuoco di Sant’Antonio. L’herpes zoster provoca intorpidimento, formicolio, prurito o dolore prima che compaia un’eruzione cutanea. Questa eruzione cutanea appare come vesciche piene di liquido. Poiché l’herpes zoster si verifica in un’area della pelle che è fornita dalle fibre sensoriali di un singolo nervo, chiamata dermatomo, l’eruzione cutanea di solito appare in una striscia su un lato del corpo, tipicamente il busto, il viso, il naso e gli occhi. 

La diagnosi è difficile prima che compaia l’eruzione cutanea e può essere scambiata per condizioni come appendicite o infarto. I trattamenti si concentrano sulla riduzione della durata dell’epidemia di fuoco di Sant’Antonio e sul controllo del dolore associato, ma attualmente non esiste un vaccino distribuito per prevenire l’herpes zoster. L’herpes zoster può portare a una condizione dolorosa cronica chiamata nevralgia post-erpetica (PHN) che può essere difficile da trattare e molte persone che soffrono di herpes zoster hanno dolore nella zona interessata durante periodi di stress a breve termine. Una piccola percentuale di persone ha più di un’occorrenza di fuoco di Sant’Antonio. 

 Puoi trovare ulteriori informazioni su cause, sintomi, diagnosi, terapie su questa pagina di  ISSalute

Prima di tutto prova a farti queste domande

PAGINA IN ALLESTIMENTO