I disturbi della vista derivano da condizioni che vanno dalla presenza di una visione utilizzabile, ipovisione, all’assenza di qualsiasi visione, cecità totale. L’ipovisione è un termine che descrive una persona con una disabilità visiva che non può essere migliorata con la correzione ma ha una visione utilizzabile rimanente. La cecità legale è definita come 20/200 o meno nell’occhio migliore con la migliore correzione possibile. Errori di rifrazione, malattie dell’occhio e altre condizioni relative alla vista sono solitamente la causa della perdita della vista. Ciascuna di queste categorie include disturbi più specifici, descritti di seguito. 

Errori comuni di rifrazione

  • Miopia: gli oggetti vicini sembrano chiari mentre gli oggetti distanti appaiono sfocati
  • Ipermetropia: la capacità di vedere chiaramente gli oggetti a distanza mentre gli oggetti vicini appaiono sfocati
  • Astigmatismo: a causa della curvatura irregolare della cornea, la visione è sfocata sia per gli oggetti vicini che per quelli lontani
  • Presbiopia: la lente dell’occhio diventa meno elastica (associata all’invecchiamento) e produce una visione offuscata quando ci si concentra su oggetti vicini. 

  Malattie comuni dell’occhio

  • Cataratta: annebbiamento del cristallino che causa la perdita della vista
  • Glaucoma: la pressione all’interno dell’occhio è elevata e può causare danni al nervo ottico, con conseguenti danni alla visione periferica
  • Degenerazione maculare: c’è un disturbo dei vasi sanguigni nell’occhio con conseguente perdita progressiva della visione centrale
  • Retinite pigmentosa: c’è una degenerazione del pigmento nell’occhio che è necessaria per assorbire la luce e creare immagini visive, che porta alla “visione a tunnel” e alla cecità notturna
  • Retinopatia (dovuta al diabete): la retinopatia colpisce tipicamente la circolazione sanguigna della retina, che causa la visione macchiata

Altre condizioni relative alla vista

  • Cecità notturna: la cecità notturna deriva dalla degenerazione pigmentaria della retina, che porta a difficoltà a vedere in condizioni di scarsa illuminazione 
  • Carenza di visione dei colori: una carenza di visione dei colori si verifica quando le cellule coniche della retina, che forniscono luce diurna e visione dei colori, sono colpite e vi è difficoltà a distinguere i colori. Tipicamente si tratta solo di alcune tonalità, ad esempio una carenza rosso-verde; il daltonismo totale (visione acromatica) è raro
  • Mancanza di percezione della profondità: la mancanza di percezione della profondità è spesso causata dalla perdita della vista in un occhio, con conseguente difficoltà con la discriminazione in primo piano / sfondo
  • Miodepsie (mosche volanti): piccoli granelli, filamenti o ragnatele che si intromettono nel campo visivo. 

 Puoi trovare ulteriori informazioni su cause, sintomi, diagnosi, terapie su questa pagina di  ISSalute.

Prima di tutto prova a farti queste domande

PAGINA IN ALLESTIMENTO